Precipita un elicottero in Valle d'Aosta, morto il vicesindaco di Quincinetto

Le vittime sono Domenico Praiale, albergatore e vicesindaco di Quincinetto, e la cognata Sara Piredda Piras. I corpi sono stati trovati stamane dopo la segnalazione di un cercatore di funghi da carabinieri, vigili del fuoco e soccorso alpino

Sono torinesi le due vittime di un tragico incidente in elicottero avvenuto nel vallone di Niel, nel comune di Gaby, in Valle d'Aosta.

I due corpi sono stati trovati stamane all'alba dopo che ieri sera un cercatore di funghi aveva segnalato ai carabinieri di aver sentito un forte botto in una zona coperta dalla nebbia.

L'elicottero, preso a noleggio con base in Piemonte, stava rientrando verso valle, dopo aver effettuato il trasporto di una persona e di merci presso un alpeggio in alta quota.

Nel tratto percorso dal veivolo, le condizioni meteo erano particolarmente avverse e, probabilmente, sono state fatali anche se gli inquirenti dovranno chiarire, nelle prossime ore la dinamica dell'incidente.

Le vittime sono un Domenico Praiale, vicesindaco e albergatore di Quincinetto, e la cognata Sara Piredda Piras: a trovare i loro corpi i carabinieri, vigili del fuoco di Aosta ed il Soccorso alpino valdostano.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Cade con la moto e sbatte la testa contro il marciapiedi, ragazzo morto

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Brutto incidente con due auto fuori strada, cinque feriti tra cui due minorenni

Torna su
TorinoToday è in caricamento