Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Direttori generali Asl, approvato nuovo contratto: "Lunedì le nomine"

Approvato lo schema del contratto tipo, il quale prevede un'indennità di base più il 20% come premio di risultato per il raggiungimento degli obiettivi. Se questi non saranno raggiunti, o in caso di accorpamenti delle aziende, i nuovi vertici potranno essere rimossi

Approvata dalla Giunta Chiamparino la delibera che determina i contenuti normativi ed economici dei contratti dei Direttori generali, sanitari e amministrativi delle aziende sanitarie regionali.

Approvato, peraltro, lo schema del contratto tipo, il quale prevede un'indennità di base più il 20 per cento come premio di risultato per il raggiungimento degli obiettivi. Se questi non saranno raggiunti, o in caso di accorpamenti delle aziende, i nuovi vertici potranno essere rimossi.

“Ai nuovi Direttori generali di Asl ed Aso assegneremo obiettivi non solo aziendali, ma anche di quadrante, nonché obiettivi articolati e specifici relativi sia all’assistenza territoriale sia alla prevenzione - ha affermato l'Assessore regionale alla Sanità Saitta -.  Inoltre sarà prevista la decadenza dei Direttori qualora si dovesse procedere a un accorpamento tra le Asl e grazie a una norma nazionale anche la possibilità, per la prima volta, di rescissione anticipata nel caso in cui non raggiungano gli obiettivi indicati”.

Nella giornata di domani il direttore Fulvio Moirano approverà una determina con l'elenco dei candidati ritenuti idonei all'incarico e lunedì prossimo la Giunta delibererà la nomina dei 16 nuovi Direttori generali delle aziende sanitarie. Fanno eccezione la Città della Salute di Torino, l'azienda ospedaliera di Novara e l'Asl CN2, le quali hanno scadenze diverse e successive.

I direttori, scelti a partire da 269 domande, resteranno in carica per tre anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Direttori generali Asl, approvato nuovo contratto: "Lunedì le nomine"

TorinoToday è in caricamento