Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Piobesi Torinese

Giacomo, in pellegrinaggio verso Jovanotti per consegnare il suo cd

Un viaggio alla volta di un sogno. Questa è la storia di Giacomo, un torinese giunto fino a Cortona per consegnare il suo cd al mito Lorenzo Jovanotti

Un viaggio per un sogno. E' questo il movente che ha spinto Giacomo Reinero, un giovane ragazzo di Piobesi Torinese a spingersi fino a Cortona, per incontrare il suo mito, Lorenzo Jovanotti.

Una storia che ha dell'incredibile, condita dalla voglia di farcela e di tentare il tutto per tutto. E dalla passione, perchè Giacomo, compositore ed autore, si dedica alla musica dalla tenera età di 8 anni.

Il viaggio verso Lorenzo Jovanotti inizia, però, nel maggio 2013, quando l'artista toscano condivide una cover di Giacomo, in arte "Due Venti Contro", sul proprio profilo Facebook. Si chiama "Salato parte 3", ripercorre le note di un brano di Lorenzo del 2000, sotto le quali vi sono le parole di Giacomo: "Sono stato fortunato - ci racconta "Due Venti Contro - perchè il brano era uno dei suoi pezzi preferiti".

E così, un po' per caso, un po' per bravura, la cover appare sul profilo social del cantautore toscano ed ottiene oltre 200 condivisioni. "La musica è elastica, è liquida, misteriosa - scrive Jovanotti riferendosi alla cover di Giacomo - Oggi mi è stata segnalata questa cosa che parte da un pezzo mio e diventa altro, in totale libertà. Mi ha colpito perchè è creatività in azione, in full effect. Bravo".

Dopo questi complimenti che sciolgono letteralmente Giacomo, passa ancora un anno. Un anno fatto di sfide e di scommesse, perchè dopo aver accantonato il suo lavoro saltuario di fattorino e realizzato il disco "Va bene così", "Due Venti Contro" ci prova a contattare le migliori etichette. "Al giorno d'oggi è difficile ottenere una risposta positiva - ci racconta Giacomo -. I soldi sono pochi".

Che fare? Giacomo ci pensa un po', si convince e tenta l'ultima. Parte alla volta di Cortona. "Sapevo che Jovanotti era tornato da New York per curarsi una polmonite - ci racconta -. Mi sono munito di post stampato e di chitarra e sono partito con la mia ragazza senza farmi troppe domande".

A Cortona Giacomo c'è stato tre giorni, il primo impiegato solo per scoprire l'indirizzo dell'artista toscano. "Il secondo giorno mi sono appostato sotto la sua finestra, fortunatamente aperta ed ho cominciato a suonare". Le ore passano e Giacomo sembra quasi perdere la speranza. Poi arriva Riccardo Onori, il chitarrista di Jovanotti, "Vedo cosa posso fare".

Quando Jovanotti appare, Giacomo si scioglie: "Ma tu sei Due Venti Contro - afferma Lorenzo - Mi ricordo di te". L'emozione è tanta, perchè incontrare il proprio mito non è una cosa da poco. Giacomo gli consegna il suo cd, nella speranza che la star possa ascoltarlo ed esserne colpito.

"Al momento non so ancora nulla, ma è passata poco più di una settimana - racconta Giacomo-. In ogni caso questa esperienza mi ha portato a conoscere un sacco di persone. Chissà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giacomo, in pellegrinaggio verso Jovanotti per consegnare il suo cd

TorinoToday è in caricamento