menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ottiene il permesso premio, va a fare shopping ed evade

Dal Ferrante Aporti

Approfitta di un permesso premio per fare shopping in centro e non fa più rientro al carcere minorile Ferrante Aporti. Il diciottenne tunisino, colpevole di rapina, era stato autorizzato a trascorrere quattro ore di permesso premio per recarsi, nel centro di Torino per acquisti di abbigliamento con accompagnamento della mediatrice culturale.

Il giovane però, in un attimo di distrazione di quest'ultima, è scomparso e non ha fatto più ritorno in carcere. Dopo 12 ore è scattata ovviamente la segnalazione di evasione. A denunciare l'accaduto l'Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) tramite il segretario generale Leo Beneduci:

" Di tali errori sono sempre più responsabili i Direttori e i responsabili Regionali delle infrastrutture penitenziarie - ha dichiarato -  sia per adulti e sia per minori, e a farne le spese nella palese inefficienza del sistema sono dapprima i poliziotti penitenziari che vi lavorano e poi gli
inermi cittadini".

Ma nei giorni scorsi un episodio analogo è accaduto al Ferrante Aporti. Un diciannovenne colombiano, detenuto per rapina, dopo aver ottenuto un permesso di otto ore per trascorrere del tempo con la fidanzata, non è più rientrato.

"Chiediamo pertanto - ha detto ancora Beneduci - una commissione parlamentare che disveli i segreti e le inefficienze di un sistema penitenziario, anche minorile, che non produce sicurezza né recupera chi commette reati, nonostante le ingentissime quantità di denaro pubblico che perviene al sistema" .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento