Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Da Agrigento a Torino tonnellate di droga su bisarche, scoperto traffico milionario

Maxi operazione dei Carabinieri che ha portato a 22 arresti. Hashish, marijuana, cocaina ed eroina viaggiavano su bisarche con macchine usate destinate al Piemonte nascosti in doppifondi creati ad hoc

Un'operazione congiunta dei Carabinieri di Torino e Agrigento ha permesso di smantellare un grosso traffico internazionale di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi: marijuana, eroina, cocaina ed altre droghe leggere per diverse tonnellate di peso e dal valore di milioni di euro.

Le indagini e le intercettazioni svolte dai carabinieri della Compagnia Oltre Dora in collaborazione con il nucleo di Agrigento, hanno portato all'arresto di ventidue persone, operazione eseguita alle prime ore dell'alba nelle province di Torino, Agrigento e Palermo. Di queste ventidue persone, 6 siciliani, un albanese e 15 torinesi fra i quali risulta essere coinvolto anche un capo ultras della Juventus di 37 anni.

Le operazioni di scambio e trasporto venivano effettuate dalla banda attraverso un particolare modus operandi, appoggiandosi ad un'attività di rivendita di vetture. Gli arrestati, dopo aver importato la sostanza stupefacente dall'Albania con l'uso di barconi, utilizzavano doppifondi creati ad hoc su vetture trasportate su alcune bisarche e destinate a rivenditori piemontesi. Una volta che le vetture raggiungevano la concessionaria piemontese venivano prelevate dall'acquirente che vi trovava all'interno anche la sostanza stupefacente.

Mentre la concessionaria con sede a Palermo collaborava alle operazioni, trasportatore e concessionaria piemontese erano all'oscuro del traffico illegale che si svolgeva dalla Sicilia al Piemonte. La banda era composta da criminali di navigata esperienza che utilizzavano per telefono un linguaggio criptico riferendosi solo a scambi di “macchine”, di ragazze, di frigoriferi, di frutta.

Durante le operazioni che si sono svolte in nottata, sono state effettuate anche alcune perquisizioni domiciliari all'interno degli appartamenti degli arrestati le quali hanno permesso di rinvenire, oltre a mezzo chilo di hashish, anche una somma in contanti pari a 40mila euro, provento dell'attività illecita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Agrigento a Torino tonnellate di droga su bisarche, scoperto traffico milionario

TorinoToday è in caricamento