menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoperta con la droga nelle scarpe: voleva cederla al marito detenuto

La donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria. Non è il primo caso di tentata cessione di droga all’interno del carcere di Torino. Le sostanze stupefacenti maggiormente scoperte sono l’hashish, la cocaina, l’eroina, la marijuana e il subtex

Ha tentato di passare un involucro contenente cocaina al marito detenuto in carcere, ma gli agenti di Polizia penitenziaria se ne sono accorti e l’hanno fermata.

E’ successo nella serata di ieri nel carcere di Torino durante una visita coniugale: la moglie ha chiesto di interrompere il colloquio per un improvviso bisogno fisiologico, ma quando è stata lasciata sola in bagno, ha tirato fuori dalla scarpa la bustina con la sostanza stupefacente da dare al marito. Il caso è stato subito segnalato all’autorità giudiziaria.

Non è la prima volta che un parente viene colto in flagrante mentre tenta la cessione di droga a un detenuto e la Sappe, il sindacato autonomo di Polizia penitenziaria, ne ha dato sempre notizia. “Questo ennesimo rinvenimento di stupefacente destinato a detenuti - commenta Donato Capce, segretario generale del Sappe -, scoperto e sequestrato in tempo dall’alto livello di professionalità e attenzione dei Baschi Azzurri di Torino, a cui vanno le nostre attestazioni di stima e apprezzamento, evidenzia una volta di più come sia reale e costante il serio pericolo che vi sia chi tenti di introdurre illecitamente sostanze stupefacenti in carcere. Ogni giorno la Polizia penitenziaria porta avanti una battaglia silenziosa per evitare che dentro le carceri italiane si diffonda uno spaccio sempre più capillare e drammatico, stante anche l’alto numero di tossicodipendenti tra i detenuti”.

Tra le droghe maggiormente introdotte all’interno del carcere di Torino ci sono l’hashish, la cocaina, l’eroina, la marijuana e il subtex, una droga sintetica utilizzata anche presso il SERT per chi è in trattamento. Gli agenti in servizio fanno affidamento anche alle unità cinofile per scoprire il possesso della sostanza stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento