rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Barriera di Milano

La droga viaggia nascosta nei borsoni da calcio: due arresti

Sequestrati sei chili tra eroina e cocaina

Trasportavano eroina e cocaina nei borsoni da calcio. Per l'accaduto un nigeriano di 32 anni (calciatore in una squadra di Barriera di Milano) è stato arrestato dai poliziotti del commissariato Barriera di Milano in via Palestrina a fine marzo 2018. Qui l'uomo gestiva il bar Diaspora 221, che era stato chiuso per 15 giorni dal questore Francesco Messina lo scorso 14 marzo 2018 perché ritenuto ritrovo di criminali.

Gli agenti hanno accertato che l'uomo si era recato in un bar di corso Vercelli insieme a un connazionale e poi, mediante un taxi abusivo, in strada del Fortino. Qui era stato individuato dai poliziotti che ne avevano seguito i movimenti.

Il secondo nigeriano, un 19enne, aveva addosso 20 grammi di cocaina, due cellulari e un mazzo di chiavi. Il più vecchio aveva con sé tre cellulari e due mazzi di chiavi. Dopo l'arresto, è scattata la perquisizione a casa di entrambi, in strada del Fortino dove sono stati trovati quasi sette etti di droga.

Ma la sorpresa è arrivata dalla perquisizione dell'auto, rimasta parcheggiata in corso Vercelli. Qui, nel suo borsone da calcio, sono stati trovati altri 750 grammi tra cocaina ed eroina, due mazzi di chiavi e un block-notes su cui registrava le compravendite.

Pochi giorni dopo, in un altro borsone da calcio in una cantina in corso Vercelli (uno degli appartamenti di cui i due avevano le chiavi), all'interno di calze sportive sono stati trovati altri quattro chili e mezzo tra cocaina ed eroina, che ha portato il totale dell'operazione a sei chili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La droga viaggia nascosta nei borsoni da calcio: due arresti

TorinoToday è in caricamento