menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga ai rave party, l’arrestato: “Merce di altissima qualità e biologica”

Il pusher di Trana vendeva marijuana e hashish nei ritrovi abusivi

Si vantava di produrre droga di altissima qualità e destinata anche ai rave party. Un italiano di 38 anni, abitante a Trana (To),  è stato arrestato e dovrà rispondere dell’accusa di produzione e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Il pusher è stato individuato e identificato dai carabinieri di Avigliana. 

Le manette sono scattate dopo la perquisizione nell’abitazione dove sono state trovate 2 serre di marijuana, con lampade per la coltivazione delle piante, contenenti 27 piantine in maturazione, 3,7 kg di marijuana essiccata, confezionati in varie buste e barattoli, 87 bustine, del peso complessivo di 820 grammi circa contenenti semi di marijuana. Alla droga si aggiungono anche 6.870 euro, frutto dell’attività di spaccio, e diverse pubblicazioni per la coltivazione della cannabis. 

A segnalare ai militari l’attività del pusher “del fumo biologico” erano stati alcuni frequentatori dei rave piemontesi.  L’arresto, infatti, è avvenuto nell'ambito delle indagini predisposte in seguito al rave party che ha avuto luogo il 13 e 14 marzo scorsi, a Trana, all'interno del capannone in disuso della ex fonderia. 

Nell’ambito della stessa indagine i carabinieri sono riusciti, nei giorni scorsi, ad arrestare un altro pusher che vendeva ketamina ai rave party. Si tratta di un italiano di 32 anni, titolare di un bar a Torino in zona Aeronautica. In un blitz nella sua abitazione e nel locale erano stati trovati hashish e ketamina, un anestetico per animali, cavalli in particolare.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento