Nei boschi a sparare con la doppietta clandestina: arrestato operaio

Non ha neanche il porto d'armi

La doppietta abusiva sequestrata dai carabinieri e dalle guardie ecologiche

Un operaio italiano di 56 anni residente a Chieri è stato arrestato dai carabinieri della locale compagnia, in collaborazione con le guardie ecologiche volontarie della Città metropolitana di Torino, per porto di un’arma clandestina.

L’uomo è stato sorpreso ieri, mercoledì 26 settembre 2018, a Riva presso Chieri, in una zona boschiva di località Madonna della Rovere. Le guardie ecologiche hanno subito constatato che portava con sé una doppietta con matricola abrasa e hanno chiamato i carabinieri. Questi ultimi hanno accertato che l’uomo non era titolare di un porto d’armi.

La perquisizione a casa sua ha permesso di sequestrare 21 cartucce. L’arma e le munizioni sono state sequestrate e l’operaio è stato collocato ai domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Brutto incidente con due auto fuori strada, cinque feriti tra cui due minorenni

Torna su
TorinoToday è in caricamento