Cronaca Centro / Piazza 18 Dicembre

La figlia sta male, i Carabinieri la aiutano: trovata con droga in corpo

La figlia di un anno stava male e i Carabinieri l'hanno aiutata accompagnandola all'ospedale con la mamma al seguito. Anche quest'ultima però si è sentita male: aveva ovuli di droga in corpo

Una donna nigeriana è stata fermata ieri sera da una pattuglia di carabinieri davanti alla stazione ferroviaria di Porta Susa. I militari hanno notato la donna disperata per sua figlia di pochi mesi con la febbre alta. "Mia figlia ha la febbre alta, ora ci penso io", ha detto Veronica ai carabinieri. I militari però non se la sono sentita di abbandonarli e hanno accompagnato madre e figlia in caserma. Poi la bambina è stata portata all’ospedale per un controllo.

Nel frattempo Veronica C., 31 anni di Asti, sembrava sofferente e dolorante. Era seduta sua una sedie ma si alzava in continuazione e si toccava lo stomaco sudando. Un controllo alla banca dati ha rivelato ai carabinieri che la signora aveva precedenti per detenzione di droga e una radiografia allo stomaco ha svelato che la donna aveva ingoiato quattro maxi-ovuli di droga. In tasca di Veronica, i carabinieri hanno trovato un biglietto aereo e alcuni biglietti ferroviari; era partita con la figlia di pochi mesi il giorno prima da Asti per andare Malpensa e partire in aereo per Amsterdam. Poi sarebbe tornata a casa in treno via Parigi.


Scoperta la sua attività, Veronica non ha più parlato ma ha solo detto ai militari: "Voglio mia figlia, vado in carcere con lei. Faccio questo per la mia bambina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La figlia sta male, i Carabinieri la aiutano: trovata con droga in corpo

TorinoToday è in caricamento