Il gigantesco rogo di legna è stato doloso, il magistrato ordina di rimuovere i residui

Spesa milionaria per la proprietà

Un momento del rogo della ex Annovati, a Frossasco

È stato doloso il rogo che ha distrutto una gigantesca catasta di legna a partire dallo scorso 28 marzo 2019 nell'area dell'ex Annovati di via Piscina a Frossasco, rimanendo attivo per oltre una settimana.

È quanto hanno comunicato i vigili del fuoco al pm Gianfranco Colace, che nei giorni scorsi, a fine aprile 2019, ha cambiato il titolo del fascicolo aperto sull'episodio (da incendio colposo a incendio doloso appunto).

Lo stesso magistrato ha scritto alla proprietà dell'azienda, la multinazionale turca Kastamonu, affinché venga rimossa, entro 120 giorni, la discarica a cielo aperto rimasta dopo l'incendio. Si tratta di una spesa di svariati milioni di euro.

Il precedente proprietario era già stato indagato dallo stesso Colace per omissione dolosa di cautele antincendio proprio per avere accumulato tutto quel legname, che poi è andato incenerito, fuori dai capannoni.

Potrebbe interessarti

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

  • Auto sui binari del tram

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Moto si scontra con un motocarro: il centauro muore in breve tempo

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Cade dal balcone di casa: muore appena arrivata in ospedale

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

Torna su
TorinoToday è in caricamento