Il gigantesco rogo di legna è stato doloso, il magistrato ordina di rimuovere i residui

Spesa milionaria per la proprietà

Un momento del rogo della ex Annovati, a Frossasco

È stato doloso il rogo che ha distrutto una gigantesca catasta di legna a partire dallo scorso 28 marzo 2019 nell'area dell'ex Annovati di via Piscina a Frossasco, rimanendo attivo per oltre una settimana.

È quanto hanno comunicato i vigili del fuoco al pm Gianfranco Colace, che nei giorni scorsi, a fine aprile 2019, ha cambiato il titolo del fascicolo aperto sull'episodio (da incendio colposo a incendio doloso appunto).

Lo stesso magistrato ha scritto alla proprietà dell'azienda, la multinazionale turca Kastamonu, affinché venga rimossa, entro 120 giorni, la discarica a cielo aperto rimasta dopo l'incendio. Si tratta di una spesa di svariati milioni di euro.

Il precedente proprietario era già stato indagato dallo stesso Colace per omissione dolosa di cautele antincendio proprio per avere accumulato tutto quel legname, che poi è andato incenerito, fuori dai capannoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento