Il gigantesco rogo di legna è stato doloso, il magistrato ordina di rimuovere i residui

Spesa milionaria per la proprietà

Un momento del rogo della ex Annovati, a Frossasco

È stato doloso il rogo che ha distrutto una gigantesca catasta di legna a partire dallo scorso 28 marzo 2019 nell'area dell'ex Annovati di via Piscina a Frossasco, rimanendo attivo per oltre una settimana.

È quanto hanno comunicato i vigili del fuoco al pm Gianfranco Colace, che nei giorni scorsi, a fine aprile 2019, ha cambiato il titolo del fascicolo aperto sull'episodio (da incendio colposo a incendio doloso appunto).

Lo stesso magistrato ha scritto alla proprietà dell'azienda, la multinazionale turca Kastamonu, affinché venga rimossa, entro 120 giorni, la discarica a cielo aperto rimasta dopo l'incendio. Si tratta di una spesa di svariati milioni di euro.

Il precedente proprietario era già stato indagato dallo stesso Colace per omissione dolosa di cautele antincendio proprio per avere accumulato tutto quel legname, che poi è andato incenerito, fuori dai capannoni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento