Divieto di fumo nelle scuole? Azione studentesca contro la decisione

Il Luxemburg e il Copernico hanno indetto una raccolta firme contro il divieto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

E' partita dagli istituti Luxemburg e Copernico la mobilitazione di Azione Studentesca contro il divieto di fumo. L'iniziativa è volta a contrastare l'assurdo divieto di fumo deciso dal Governo. I ragazzi di Azione Studentesca hanno prontamente organizzato una campagna ed una raccolta firme contro il divieto di fumo, lanciando la mobilitazione e organizzando subito una serie di volantinaggi, per contrastare questa decisione che lede i diritti fondamentali degli studenti. In un solo giorno, sono già state raccolte più di duecento firme.

“Abbiamo deciso di opporci con tutte le nostre forze – spiega Enrico Forzese, Responsabile Provinciale di Azione Studentesca – ad una misura che ha il solo scopo di fare, ancora una volta, cassa sulle spalle degli studenti, in questo caso grazie alle multe.”.

"Nonostante le gravi carenze dell'istruzione italiana - continua Forzese - il Governo ha deciso di intervenire su un tema di secondo piano, con quella che è una vera e propria azione repressiva, perché altro non è che quello. Quasi tutte le scuole hanno un appezzamento di cortile adibito a locale fumatori, da oggi non sarà più possibile."

“Tutto ciò è inaccettabile – conclude Forzese – per questo abbiamo fatto partire la nostra raccolta firme che, in un solo giorno, ha già raccolto più di duecento firme. La nostra mobilitazione non si ferma, chiediamo un immediato passo indietro da parte delle istituzioni o la nostra protesta non si fermerà qui.”.

Torna su
TorinoToday è in caricamento