Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Barriera di Milano / Corso Giulio Cesare

Lo sfogo di una coppia omosessuale: "Insultati dai vicini perchè siamo gay"

Una coppia gay residente nelle case popolari del Rebaudengo segnala problemi di convivenza con i vicini. Insulti e battutine sarebbero all'ordine del giorno

Insulti, battute di cattivo gusto e aggressioni verbali. Continue intimidazioni stanno mettendo in crisi una coppia omosessuale residente nelle case popolari di corso Giulio Cesare. Marco e Luca, li chiameremo così per conservare e rispettare il loro anonimato, sono le due vittime di questa terribile storia che dura da mesi. A denunciare il caso al Comune di Torino e all’Atc sono proprio i due inquilini costretti a convivere con le minacce, dal mattino fino a notte inoltrata. Una situazione incredibile e ingiustificata che ha convinto il presidente dell’Atc Elvi Rossi a prendere in mano la patata bollente. Così il numero uno dell’ente delle case popolari è intervenuto di persona per parlare con le due persone emarginate dai vicini soltanto perché gay.

Rossi ha incontrato i due condomini, proprio all’interno di quella palazzina del Rebaudengo dove vessazioni, dispetti e maldicenze sembrano essere all’ordine del giorno. “Siamo accusati di vivere insieme e di essere diversi dalle altre coppie del palazzo – hanno raccontato i due - I primi ad essere molto dispiaciuti per quello sta accadendo siamo noi ma non sappiamo proprio come uscirne”. E sulla vicenda il presidente Atc entra a gamba tesa.

Ho scelto di andare di persona a verificare i problemi segnalati da queste due persone – spiega Rossi che aggiunge -. In questo caso, vista la particolare delicatezza della situazione, ho deciso di parlare e confrontarmi con la coppia per capire come muovermi”. La maggior parte degli episodi si verifica durante le ore serali e notturne. Quando qualsiasi persona avrebbe piacere di riposare e di non venire disturbata.

“Deve arrivare a tutti il messaggio che Atc condanna la discriminazione, in qualunque sua forma si manifesti” continua Rossi. Ma per Marco e Luca continuare a vivere in corso Giulio sarà un’impresa. La coppia vorrebbe soltanto poter vivere serenamente rappacificandosi con i suoi vicini di casa. “Vorremmo cancellare una volta per tutte l’odio, le ripicche e quelle terribili battutacce riguardanti la sessualità. Ma crediamo che sarà molto difficile convertire queste persone” hanno dichiarato le due vittime.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo sfogo di una coppia omosessuale: "Insultati dai vicini perchè siamo gay"

TorinoToday è in caricamento