Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Falchera / Via Toce

Registratori di cassa e auto smontate nelle discariche dei ricettatori

Non si ferma l'allarme delinquenza in periferia nord. In particolare tra i quartieri Falchera e Villaretto dove le discariche abusive sembrano spuntate dal nulla

Valanghe di registratori di cassa, masserizie, guaine per il rame. E poi i paraurti delle auto, le gomme, i cingoli di una ruspa e le taniche contenenti oli esausti. In periferia nord tiene ancora banco il problema delle discariche dei ricettatori. Da dove arrivano quei rifiuti e chi li avrà buttati? Domande che non sembrano aver risposta. Una cosa è certa: gli interventi di bonifica, eseguiti settimane fa si sono rivelati un flop. Una volta abbassata la guardia, i soliti incivili sono tornati a scaricare macerie dove i controlli e l’illuminazione sono precari.

Come in via Toce dove si possono trovare sacchi, taniche e materiale per il computer. E chi ha percorso le vie del degrado ha notato anche altro. Dalle sedie ai materassi passando per i vestiti usati. “Pulire e basta non serve a nulla – commenta un residente -. Questi balordi tornano e lasciano qualunque cosa. Le istituzioni e le forze dell'ordine dovrebbero pensare ad altri provvedimenti”. Dalla Falchera al Villaretto. La mancanza di telecamere o di altri sistemi di sorveglianza continua a favorire gli scaricatori che in questi anni hanno trasformato strada Bellacomba in un gigantesco ecomostro.

Problemi anche in corso Romania e in via Monteverdi, alle spalle degli orti urbani. Qui è possibile trovare scarpe sportive, elettrodomestici e scatolette di cibo per cani. Un problema non sfuggito all’attenzione del capogruppo della Lega Nord Enrico Scagliotti, autore di un sopralluogo. “Barriere e cartelli, ormai lo sappiamo, non servono a nulla - ha spiegato Scagliotti -. E’ necessario studiare con Amiat un metodo che si riveli efficace, sicuramente le telecamere garantirebbero una sorveglianza 24 ore su 24”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Registratori di cassa e auto smontate nelle discariche dei ricettatori

TorinoToday è in caricamento