Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Chivasso

"Quella discarica non la vogliamo", il no per un milione di metri cubi di immondizia

Il progetto Wastend è da un anno al centro di uno scontro sempre più aspro. Sulla scia i residenti della frazione Pogliani, a pochi passi dalle montagne di rifiuti alte 30 metri, che chiedono la chiusura definitiva della discarica

Un milione di metri cubi di rifiuti in più, aggiunti ai 4 milioni di metri cubi di immondizia che già straripano la discarica della frazione Pogliani, al confine con Montanaro, nel Canavese. Un progetto - cosiddetto Wastend - già nelle mani della Provincia, ma che i residenti della zona non vogliono.

E non si arrendono. Ieri sera, per dire no alla discarica, i cittadini sono scesi in strada e con fiaccole alla mano hanno marciato dalla stazione ferroviaria fino al municipio dove alle 20.30 si è svolto il Consiglio comunale. Un appuntamento per chiarire una questione che va avanti da tempo e verso la quale non sono state date risposte esaustive.

Il progetto Wastend è da un anno al centro di uno scontro sempre più aspro: da un parte il sindaco Libero Ciuffreda e il vicesindaco Massimo Corcione, entrambi del Partito Democratico, convinti sostenitori del progetto, dall'altra i comitati ambientalisti e il Movimento 5 Stelle, che gradualmente sono riusciti a trascinare dalla loro parte la popolazione, fino alla grande manifestazione contro la discarica svoltasi in novembre per le vie del centro. Sulla scia i residenti della frazione Pogliani, a pochi passi dalle montagne di rifiuti alte 30 metri, che chiedono la chiusura definitiva della discarica: "Abbiamo comprato con la fatica di una vita case che ora non valgono più nulla perchè nessuo vuole più venire a vivere in un posto come questo".

A essere compromessa è la salute di centinaia di persone, per un progetto che di fatto inquina la zona e le falde acquifere di ammoniaca e nichel.

Un obiettivo unico, quello dei cittadini, per strappare un "no" all'amministrazione comunale di Chivasso, un "no" che - di fatto - non può arrivare, avendo già ampiamente sostenuto il progetto della società SMC, in prima linea per questo nuovo ampliamento della discarica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quella discarica non la vogliamo", il no per un milione di metri cubi di immondizia

TorinoToday è in caricamento