menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disastro ambientale sulle piste da sci olimpiche, Guariniello indaga

La società che gestisce gli impianti della Vialattea fece realizzare degli interventi sulle piste senza autorizzazione. L'inchiesta è partita dall'incidente in cui perse la vita sugli sci il quattordicenne di Chieri

Il pm Raffaele Guariniello contesta, per la prima volta a Torino, il disastro ambientale colposo a norma della nuova legge sugli ecoreati. Il fascicolo riguarda un dirigente della Sestrieres Spa, la società che gestisce gli impianti sciistici della Vialattea in alta Val Susa, per una serie di interventi effettuati nonostante il diniego della Regione Piemonte - a causa della presenza di amianto nel terreno -, nel progetto di adeguamento e messa in sicurezza dei tracciati a Clavière e Cesana.

I lavori non autorizzati, ed effettuati in vari punti della Vialattea con movimentazione sostanziosa del terreno, avrebbero provocato l'instabilità delle stesse aree di montagna, con smottamenti, scarso defluimento delle acque e caduta rocce. Soprattutto però, sarebbero all'origine di un incidente accaduto lo scorso 4 gennaio sulla pista da sci di Clavière, dove si schiantò e perse la vita il quattordicenne Tommaso Martinolich, residente a Chieri.

Le indagini della procura di Torino sono partite proprio da qui. Il ragazzo non sciava fuori pista, come si era ipotizzato, ma imboccò in malo modo la biforcazione del tracciato, poichè mal segnalata. Soprattutto quel bivio, creato nell'agosto 2014, non avrebbe avuto ragione di esistere visto che dalla Regione Piemonte l'autorizzazione per realizzarlo non era mai arrivata.

Il giorno seguente la morte del ragazzo, anche un maestro di sci, nello stesso punto, cadde fratturandosi una gamba. Proprio per questi motivi il dirigente della Sestrieres Spa è indagato anche per omicidio e lesioni colpose.  
Al vaglio del magistrato anche le posizioni dei sindaci e dei dirigenti tecnici dei comuni di Cesana e Claviere, al momento non indagati.

E' fresca infatti l'ordinanza urgente emessa dal comune di Cesana in cui si dispone l'intervento immediato per la messa in sicurezza delle aree pericolanti, interessate dai lavori eseguiti "arbitrariamente dalla Sestrieres Spa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento