Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Aurora / Corso Brescia, 47

Morta dopo la caduta mentre attraversa sulle strisce pedonali: indagata dirigente del Comune

Ipotesi omicidio colposo

I soccorsi poco dopo il decesso di Edda Basso in corso Brescia

Una dirigente del settore manutenzione straordinaria del Comune è indagata con l’accusa di omicidio colposo per la morte di Edda Basso, 87enne morta lo scorso 25 ottobre 2019 dopo essere caduta a causa di una buca in corso Brescia angolo via Alessandria, mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali.

Lo ha deciso, a metà gennaio 2020, il pm Ciro Santoriello, titolare dell'inchiesta. La funzionaria è difesa dall'avvocato Gino Obert, mentre i parenti della vittima sono rappresentati dagli avvocati Luca Valgiusti e Federico Rosso.

La buca si era aperta vicino un tombino della compagnia telefonica Fastweb. Secondo l'avvocato Obert, la responsabilità dell'accaduto non sarebbe del Comune (e quindi della dirigente), ma del privato che avrebbe dovuto manutenere meglio il tombino. Una consulenza disposta dal pm ha permesso di stabilire che la vittima non aveva avuto alcun malore che ne potesse avere provocato la caduta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta dopo la caduta mentre attraversa sulle strisce pedonali: indagata dirigente del Comune

TorinoToday è in caricamento