Estensione della raccolta differenziata: si parte da ottobre in corso Marconi

Da gennaio, il servizio in tutta San Salvario

San Salvario è pronta ad accogliere il servizio di raccolta differenziata porta a porta. Si comincerà a ottobre da corso Marconi mentre a partire da gennaio 2018 il servizio sarà esteso su tutta l'area. A settembre infatti sono attesi nel quartiere i primi bidoni destinati ai residenti, accompagnati da una sostanziosa campagna informativa a base di volantini e di manifesti. Da cinque anni il servizio di raccolta non si estendeva e dopo San Salvario toccherà a Vanchiglietta e a Santa Rita.  

L'obiettivo della Città è quello di raggiungere il 65% della raccolta differenziata entro il 2020: una sfida ambiziosa se si conta che al momento la media cittadina si aggira attorno al 43% e solo dove è presente il servizio porta a porta, i numeri sfiorano il 60%. "Il porta a porta - ha dichiarato Lorenzo Bagnacani, presidente di Amiat -, dai dati raccolti, risulta essere il sistema più efficace per raggiungere il 65% di raccolta differenziata".

E a proposito di differenziazione dei rifiuti, in questo senso il Comune intende lavorare anche sui mercati rionali di Torino. Da tempo è stata avviata una sperimentazione al mercato di Porta Palazzo, una realtà particolarmente articolata, dove la sfida è stata e continua ad essere quella di provare a intercettare la quasi totalità dell'umido: un grande beneficio in termini di impatto ambientale.
 



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

Torna su
TorinoToday è in caricamento