menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istigazione all'odio razziale, Gramellini denunciato da associazione rom

Secondo l'Istituto di Cultura Sinta di Mantova, le parole di Massimo Gramellini sono da considerarsi pericolose e diffamatorie. Inanto continua il polverone mediatico all'interno delle forze politiche

Diffamazione ed istigazione all'odio etnico/razziale. E' questa la denuncia e l'esposto in Procura che s'è beccato Massimo Gramellini - vicedirettore de La Stampa - dopo aver dato il suo personale "Buongiorno" sulla vicenda dello sdoppiamento della linea 69, caso che ha scatenato un polverone mediatico.

Ad infastidire l'Istituto di Cultura Sinta di Mantova e l'Osservatorio contro le discriminazioni provinciale, - gli enti che hanno posto denuncia - un passaggio dello scrittore torinese: "Le leggi valgono per tutti ed è inaccettabile che la comunità rom si arroghi il diritto di violarle con sistematicità, adducendo il rispetto di tradizioni che giustificano il furto e l’accattonaggio infantile". Tali parole, comparse sul "Buongiorno" intitolato, peraltro, "Rom a parte", hanno dato da pensare a Carlo Berini, responsabile dell'Istituto di Cultura Sinta, secondo cui, quelle di Gramellini, sarebbero da configurarsi delle vere e proprie "parole pericolose che diffamano l'intera comunità Sinti-Rom".

Il polverone mediatico relativo all sdoppiamento del bus 69 sta assumendo connotati sempre più evidenti. Molte le polemiche e le dichiarazioni presentate da tutti i versanti politici. Un argomento talmente scottante quello dei campi rom che la Lega Nord ha addirittura pensato di proporre un referendum per interpellare i cittadini sulla condizione dei campi abusivi e la stretta convivenza con chi ci abita. "Quanti sono, oggi, i Torinesi ancora disposti a sopportare i campi nomadi, abusivi o meno, vicino a casa e quanti, invece, ne vorrebbero lo smantellamento? - afferma Fabrizio Ricca -. I problemi che ruotano attorno a questi insediamenti non sono notizia di oggi o di ieri, noi li denunciamo da anni".

Intanto Gtt ha preso i primi provvedimenti, aumentando i controlli e predisponendo una squadra fissa di assistenti alla clientela sull'intera linea. "Già da oggi i controlli sulla linea 69 sono stati intensificati - ci conferma Gtt - " attraverso una squadra fissa costituita da controllori ed assistenti alla clientela operativa tutti i giorni della settimana". Due o tre persone dunque, come ci conferma Gtt, presenti in modo permanente lungo tutta la tratta da piazza Stampalia a Borgaro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento