Finti poveri nel torinese, denunciato anche un consigliere comunale

Omissioni per oltre 600 mila euro. La Guardia di Finanza ha denunciato 35 persone tra cui un consigliere di San Francesco al Campo e una casalinga di Corio, già denunciata in passato per lo stesso motivo

Trentacinque falsi poveri sono stati denunciati nel torinese dalla Guardia di Finanza. Si fingevano nullatenenti per ottenere una riduzione delle tasse scolastiche e della mensa dei figli, o per assicurarsi gli assegni di maternità.

Le persone denunciate sono accusate di falsità ideologica finalizzata alla truffa e all'indebita percezione di contributi pubblici. Le Fiamme Gialle hanno accertato omissioni per oltre 600 mila euro tra redditi e patrimoni mobiliari e immobiliari non dichiarati.

DENUNCIATO CONSIGLIERE COMUNALE
Tra le 35 persone finite sotto accusa c'è anche un consigliere comunale di San Francesco al Campo. Secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza, per ottenere una riduzione delle tasse universitarie del proprio figlio, aveva tralasciato di denunciare alle impiegate dello stesso Comune da lui amministrato il possesso di numerosi terreni.

Nei guai anche una casalinga di Corio, già denunciata in passato per lo stesso motivo, che ogni anno 'dimenticava' di indicare redditi o immobili per rientrare nelle agevolazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Coronavirus Piemonte, Icardi: "Test sierologico per dipendenti e ospiti delle case di riposo"

Torna su
TorinoToday è in caricamento