Accusò Nedved di avere droga e armi in casa. Condannato per calunnia

Aveva accusato il giocatore della Juventus di avere in casa delle armi e della droga. Lo avrebbe scoperto dopo un colpo messo a segno proprio nell'abitazione dell'ex Pallone d'Oro

Pavel Nedved © TM News Infophoto

Un quasi sessantenne di Pecetto Torinese accusò tre persone, poi risultate innocenti, di avere compiuto un furto in casa di Pavel Nedved, e lo stesso ex campione della Juventus di avere droga e armi in casa.

Per questa ragione Gian Carlo B., 58 anni, è stato condannato oggi a un anno e due mesi per calunnia e autocalunnia dal gup di Torino Francesca Firrao. Aveva detto infatti di avere fatto da palo nel colpo.

il 58enne era stato identificato come l'autore di una telefonata anonima ai Carabinieri e aveva confessato. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

Torna su
TorinoToday è in caricamento