Cronaca Piazza Castello

Disordini in piazza Castello: sette studenti denunciati dalla Polizia

Sei maggiorenni e un minorenne sono stati identificati, fermati e denunciati per resistenza a pubblico ufficiale, manifestazione non autorizzata e imbrattamento. Il corteo era patito in mattinata da piazza Arbarello e giunto in piazza Castello

La manifestazione di ieri mattina, messa in scena da alcune centinaia di studenti e andata in scena tra piazza Arbarello e piazza Castello, è costata la denuncia a 7 dimostranti.

Gli studenti sono partiti di prima mattina in corteo per le vie del centro. Volevano far sentire pacificamente la loro voce per difendere il diritto allo studio e, al contempo, protestare contro le politiche della Giunta regionale. Se all'inizio tutto è rimasto nei toni previsti, una volta che il blocco di studenti è giunto in piazza Castello le cose sono cambiate.

Si è assistito ad un fitto lancio di palloncini ripieni di vernice colorata all'indirizzo del Palazzo della Regione e della Polizia schierata in piazza. Gli agenti sono intervenuti fermando tre minorenni per il reato di imbrattamento e denunciando un ventunenne per resistenza a pubblico ufficiale. Le forze dell'ordine hanno anche sequestrato una cassetta di legno contenente 15 palloncini di vernice, tre fumogeni e tre buste contenenti materiale granulare plastico atto ad imbrattare.

Nel corso dell'intervento tre poliziotti hanno riportato lesioni lievi, mentre risultano danneggiati per imbrattamento le uniformi di trenta agenti, nonché due mezzi di servizio.

Durante la giornata la Digos ha individuato altri tre ragazzi maggiorenni, tra cui i responsabili del collettivo studentesco indipendente, denunciati per resistenza a pubblica ufficiale. Inoltre, per uno dei responsabili, promotore del corteo studentesco partito da Piazza Arbarello, è scattata anche la denuncia per manifestazione non preavvisata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini in piazza Castello: sette studenti denunciati dalla Polizia

TorinoToday è in caricamento