Sorpresi in strada all'alba, si giustificano: "Stiamo cercando droga"

Denunciati per violazione del decreto Conte

immagine di repertorio

"Stiamo cercando droga". È la giustificazione due 40enni italiani hanno dato all'alba di oggi, giovedì 12 marzo 2020, ai militari della guardia di finanza che li hanno sorpresi in strada nel quartiere Aurora.

Entrambi, che hanno raccontato di avere passato una serata tra amici (anche questo tra l'altro proibito in questo periodo) sono stati denunciati per violazione del decreto del governo contro il proliferare del coronavirus. Uno dei due anche perché addosso aveva ingiustificatamente un coltello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ammettendo che la giustificazione che hanno dato sia vera, la ricerca di droga non è naturalmente tra le giustificazioni previste dal decreto come necessità o emergenza sanitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Torino, "Ti amo" urlato ai quattro venti: tutta la piazza e la città ora lo sanno

  • Riscaldamento: le date per l'accensione dei termosifoni

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento