rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Cronaca Via Germagnano, 50

Campo nomadi, demolite 28 baracche, roulotte e abitazioni abusive

Insediamento non autorizzato

Iniziata nella giornata di ieri, martedì 20 novembre 2018, la demolizione delle baracche abusive nel campo nomadi di via Germagnano. Le operazioni stanno continuando anche nella giornata di oggi, mercoledì 21. Sul posto la polizia locale e i tecnici comunali.

Il sequestro di aree è cominciato giovedì 15 nelle zona denoninate Amiat, Ponte e Slavi, su cui insistevano 28 rifugi di fortuna e roulotte utilizzate come abitazione. Per alcune è stata necessaria la demolizione 'a mano', in quanto non è stato possibile raggiungerli con le ruspe.

Sono stati denunciati quattro rom per violazione dei sigilli e occupaziuone del suolo in quanto avevano ri-occupato la baracca dopo che l'area era stata transennata. Le persone allontanate sono state circa un centinaio. "Sono tornate in Romania", dice il comandante della polizia locale, Emiliano Bezzon.

"E' un buon segnale per la città e per i residenti nella zona", dice l'assessore Roberto Finardi. "Stiamo lavorando esattamente nella direzione in cui abbiamo detto che avremmo lavorato. Non possiamo pensare che ci siano aree franche abitate da persone che non rispettano le regole della città e della comunità. L'obiettivo finale è il superamento del campo. Un abbattimento così non è mai stato fatto ed è un cambio di passo", interviene la sindaca Chiara Appendino.

"Sono interventi di alleggerimento abusivo che avvengono senza tensioni con i residenti. L'importante è che in quell'area si sia arrivati al ripristino della legalità. L'azione continua e ragionevolmente faremo un altro grosso intervento di demolizione di un insediamento importante, in questo caso su area privata, entro la fine dell'anno", aggiunge Bezzon.

Lo scorso aprile 2018 era avvenuto già un primo abbattimento di casette abusive.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo nomadi, demolite 28 baracche, roulotte e abitazioni abusive

TorinoToday è in caricamento