menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fotografie di Gabriele Bolognesi

Fotografie di Gabriele Bolognesi

Degrado a Superga il giorno dopo la Commemorazione del 4 maggio

Bottiglie sparse ovunque, aiuole distrutte e cestini per la spazzatura stracolmi. Non un bellissimo scenario da vedere il giorno dopo il passaggio di migliaia di tifosi granata. Ma il problema arriverebbe dal Comune

Migliaia di persone hanno partecipato al 4 maggio granata, giorno in cui si è ricordata la tragedia di Superga e quel triste pomeriggio che portò via, 65 anni fa, il Grande Torino. Sulla collina delle Basilica è stata una festa condivisa con giocatori, staff, presidente Cairo e don Aldo Rabino.

Ma il giorno dopo quella stessa collina, di granata colorata per la ricorrenza annuale, mostra i segni del passaggio dei tifosi. Bottiglie ovunque, aiuole distrutte e cesti della spazzatura ricolmi. La colpa non è solo di alcuni incivili, ma pare che dietro non ci sia stata una perfetta organizzazione da parte del Comune di Torino. Ce ne si rende conto parlando con gli addetti alla pulizia e con le operatrici Amiat. Il problema maggiore sembra essere stato proprio il mancato rinforzo di cestini per la spazzatura e, lamentele raccolte direttamente ieri, la mancanza di bagni chimici, con la conseguenza che alcuni utilizzavano l'unica toilette presente all'interno alla Basilica, con i più che invece preferivano direttamente fare i propri bisogni all'aria aperta.

A mezzogiorno di questa mattina la situazione era ancora quella di un degrado totale, come mostrano le fotografie di seguito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento