Degrado giardino ex Ital Gas, Magliano: "Per assessore tutto ok. Allucinazioni?"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

“Abbiamo fatto controlli e sopralluoghi, l’area verde al civico 66 di corso Regina Margherita è stata ogni volta trovata in condizioni impeccabili di decoro. Tantomeno abbiamo trovato siringhe”. Parole e musica dell’Assessore Lavolta. È evidente, a questo punto, che sono le madri - che dal 2012 denunciano il degrado nel parco – a essere vittime di un’illusione generale.

Secondo l’Assessore Lavolta, nessun problema di degrado affligge i giardini Ex Italgas, che gli scrupolosi operatori dell’Amiat puliscono puntualmente quattro volte la settimana e che risultano lindi come un piccolo eden suburbano, e altrettanto ben frequentati, ai controlli e sopralluoghi – notturni e diurni – organizzati dall’assessorato stesso.

Sporcizia, dunque, al civico 66 di corso Regina? Assolutamente no! Degrado? Figuriamoci! Addirittura siringhe sporche abbandonate a terra dopo l’uso? Ma neanche a parlarne!

Una visione paradisiaca delle cose che l’assessore ribadisce con convinzione ogni volta che si solleva questo problema: “Non mi pare, non ci risulta, continueremo a vigilare”.

È evidente, a questo punto, che ci troviamo di fronte a un singolare caso di illusione collettiva delle mamme dei ragazzini che vanno a giocare al parco, e degli altri utenti dello stesso, che ciclicamente tornano a segnalare la questione. Poiché queste allucinazioni si verificano dal febbraio 2012 (data della mia prima interpellanza sul tema), le istituzioni hanno il dovere di prendere provvedimenti immediati ed efficaci: ci rivolgeremo a qualche medico specializzato per risolvere questo disturbo psichico-visivo diffuso tra i nostri concittadini.

Torna su
TorinoToday è in caricamento