rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Palazzo del Lavoro sommerso da detriti e rifiuti, "Serve soluzione efficace"

Il futuro del Palazzo del Lavoro si realizza in una probabile area commerciale, nella quale sorgeranno nuovi negozi e forse anche un nuovo parcheggio, ma i lavori partiranno solo nel 2016

Detriti, assi sradicati, vetri frantumati, plastica sparsa da tutte le parti, soffitti che cadono a pezzi, suppellettili abbandonati e persino qualche materasso. E' questo lo stato di degrado in cui versa Palazzo Nervi, meglio noto come Palazzo del Lavoro.

Dopo il no del Tar e del Consiglio di Stato al progetto di riqualificazione del gruppo olandese Còrio, bocciato tra il 2012 ed il 2013, la palazzina è stata oggetto di una sistemativa e minuziosa operazione di saccheggio. "Siamo stati qui un anno fa - ha affermato Fabrizio Ricca (Lega Nord) durante il sopralluogo della Commissione Urbanistica - e non c'era tutto questo disordine".

In effetti, pare che le opere di razzia siano cominciate proprio quando su Palazzo Nervi si sono spente le luci da parte delle istituzioni. Da allora, i vandali si sono portati via tutto, dal rame ai cavi, dai metalli di ogni tipo ai fili della Telecom, mandando in tilt i telefoni di mezzo quartiere. Delle scale mobili è rimasto solo lo scheletro e non c'è ombra di una vigilanza.

(L'articolo continua dopo la gallery)

Degrado al Palazzo del Lavoro

"Lo stato di degrado in cui versa oggi il Palazzo del Lavoro è la dimostrazione dell'incapacità della Città di gestire i propri gioielli - continua Fabrizio Ricca -. Sapere che Palazzo Nervi è stato cannibalizzato dai nomadi che hanno portato via qualsiasi cosa avesse sembianze metalliche ci fa parecchio arrabbiare. Speriamo in una riqualificazione veloce ed efficace affinché si possa restituire ai torinesi un pezzo di storia della propria città nella maniera in cui merita".

E le razzie continueranno ancora, perchè, a quanto pare, il progetto firmato dall'architetto Alberto Rolla che ha ottenuto l'utilità pubblica dai comuni di Torino e Moncalieri, Regione e Provincia, potrà partire solo nel 2016, a causa dei tempi della burocrazia.

Il futuro del Palazzo del Lavoro si realizza in una probabile area commerciale, nella quale sorgeranno nuovi negozi e forse anche un nuovo parcheggio. Il laghetto del parco non sarà più artificiale, ma naturale ed avrà un piccolo pontile dedicato agli appassionati del modellismo navale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo del Lavoro sommerso da detriti e rifiuti, "Serve soluzione efficace"

TorinoToday è in caricamento