Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Atti vandalici alla recinzione del Sant'Anna, Passoni: "Aumenteremo la vigilanza"

Dopo la rimozione di alcuni spazi pubblicitari di proprietà della Città, la recinzione è stata oggetto di ripetuti atti vandalici: i muri venivano imbrattati di scritte anche dopo le numerose ritinteggiature a carico dello stesso Istituto

Muri imbrattati ed oggetto di costanti atti vandalici da parte di ignoti, perpetrati anche a seguito di continue ritinteggiature.

E' questa la situazione di degrado che si presenta sul muro esterno dell'Istituto Sant'Anna, che da corso Re Umberto giunge in via Montevecchio, presentata oggi in un'interpellanza dal consigliere comunale Fabrizio Ricca (Lega Nord).

Dopo la rimozione di alcuni spazi pubblicitari di proprietà della Città, infatti, la recinzione è stata oggetto di ripetuti atti vandalici: i muri venivano imbrattati di scritte anche dopo le numerose ritinteggiature a carico dello stesso Istituto. Essendo l'edificio di proprietà privata, il monitoraggio del degrado è affidato alle pattuglie specializzate della polizia municipale: "La polizia ha rilevato la situazione - ha affermato l'assesore Passoni - ed intensificherà la vigilanza specie nelle ore notturne".

Quanto agli impianti pubblicitari, la Cimp Affisioni ha chiarito che, essendo l'Istituto Sant'Anna una struttura privata, tali spazi non sono di proprietà della Città, ma vengono concessi sulla base di una richiesta da parte di un privato. "Il ripristino degli impianti - continua Passoni - non dipende dalla volontà dell'amministrazione. A questa spetta solo di autorizzare il loro utilizzo sulla base delle normative vigenti".

Oltre alla vigilanza ed all'autorizzazione, pertanto l'amministrazione comunale, pare non poter fare nulla oltre quando suddetto. "Sarà nel nostro interesse ripristinare una situazione di decoro", ha detto Fabrizio Ricca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atti vandalici alla recinzione del Sant'Anna, Passoni: "Aumenteremo la vigilanza"

TorinoToday è in caricamento