Cronaca Filadelfia / Piazza Tancredi Galimberti

Il villaggio olimpico annega nel degrado. Da sei anni solo abbandono

Scritte sui muri, ascensori vandalizzati e case che cadono a pezzi. L'eredità delle Olimpiadi invernali del 2006 si è rivelata molto pesante da digerire. Dei progetti dell'amministrazione rimane ormai ben poco

Sei anni dopo i fasti delle Olimpiadi invernali quello che resta nei pressi dell’ex villaggio olimpico è soltanto degrado. Presso gli ex mercati generali c’è soltanto aria di abbandono. E per capirlo basta transitare a piedi lungo piazza Galimberti e via Giordano Bruno. Le ridenti palazzine colorate che ospitavano le squadre hanno già le facciate scrostate. I vandali e i writer hanno rovinato ogni cosa con scritte e scarabocchi di ogni tipo. Dei passaggi degli atleti non c’è praticamente più traccia.

Per terra solo cocci di vetro, bottiglie di birra e poco altro. Le uniche persone che oggi transitano nelle arcate dell’ex Moi sono studenti o semplici curiosi. La maggior parte delle persone le utilizzano per arrivare fino al Lingotto. La passerella olimpica, simbolo dei giochi, è piena di graffiti ma fino a prova contraria è una delle poche attrazioni per cui vale la pena soffermarsi un paio di minuti. Peccato solo per le erbacce e la sporcizia presenti sotto gli occhi dei passanti. E per gli ascensori vandalizzati, riempiti di scritte, oscenità e insulti.
 
Tragica è anche la situazione degli edifici “colorati” che si trovano nei pressi di corso Giambone. Ai lati delle colonne si trovano montagne di rifiuti e di bottiglie, le pareti sono già sporche e ricche di infiltrazioni. E qualcuno ha anche spaccato una vetrata, forse per divertirsi con gli amici. In aggiunta i muri dei palazzi andrebbero completamente riverniciati come accadeva durante il periodo d’oro dei cinque cerchi.

Delle proposte di riqualificazione della circoscrizione Nove e del Comune di Torino per ora non vi è traccia. Niente campus, niente centro per il fitness, niente casa del ghiaccio per gli sport invernali. E per ora niente anche sulla cessione dei locali di via Giordano Bruno ad alcune importanti associazioni operanti nel Lingotto. "Si sono dimenticati di questo posto – denunciano alcuni residenti e commercianti del quartiere -. Per noi è stata davvero una brutta botta. Ci siamo svegliati da un sogno che temiamo non tornerà mai più".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il villaggio olimpico annega nel degrado. Da sei anni solo abbandono

TorinoToday è in caricamento