Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Delitto Rosboch, la perizia dei Ris conferma: Defilippi ha strangolato Gloria

Le tracce biologiche di Gabriele sono state trovate soltanto sul sedile posteriore dell'auto di Roberto Obert e questo confermerebbe la tesi di quest'ultimo: ad uccidere la prof è stato solo il ragazzo

Gloria Rosboch e Gabriele Defilippi

Sulla Twingo bianca di Roberto Obert ci sono le sue impronte biologiche e digitali sul lato guida, mentre quelle di Gabriele Defilippi sono state rilevate soltanto sul sedile posteriore. È quanto emerge nella relazione consegnata alla procura di Ivrea.

I carabinieri dei Ris di Parma confermano, in gran parte, la versione di Obert sul delitto di Gloria Rosboch: Gabriele Defilippi sarebbe sempre rimasto sul sedile posteriore dell'auto il 13 gennaio quando è stata uccisa la professoressa di Castellamonte. Le sole tracce di Defilippi sul sedile posteriore confermerebbero l’ipotesi dell’accusa che a uccidere la Rosboch sia stato lui. I carabinieri hanno trovato anche tracce di urina sul lato passeggero che potrebbero essere della professoressa.

Nessun segno invece della presenza di Efisia Rossignoli, la telefonista della truffa, indagata anche per lei per concorso in omicidio, che potrebbe uscire di scena almeno per quanto riguarda gli aspetti più gravi della vicenda.

Resta da chiarire il ruolo della madre di Defilippi, Caterina Abbattista, in carcere da febbraio per concorso in omicidio e per la quale i suoi difensori hanno chiesto la scarcerazione al tribunale del riesame.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto Rosboch, la perizia dei Ris conferma: Defilippi ha strangolato Gloria

TorinoToday è in caricamento