Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

In metro arriva il defibrillatore per la sicurezza sanitaria dei passeggeri

Per il momento solo quattro stazioni saranno dotate di defibrillatore, ma si pensa già a mettere l'importante strumento anche in tutte le altre. "E' fondamentale - ha detto Walter Ceresa di Gtt - perché la metropolitana è come una città viaggiante"

Fotografie di Bolognesi Gabriele

Le quattro principali stazioni della metropolitana da oggi sono cardioprotette. A "Lingotto", "Porta Nuova", "Porta Susa" e "Fermi" sono stati infatti installati quattro defibrillatori semiautomatici esterni, utili in caso di emergenza.

Per il momento, come detto prima, sono solo quattro le stazioni dotate dei defibrillatori, ma si sta già lavorando per poterle mettere anche nelle altre. Intanto c'è da formare il personale. Saranno gli stessi addetti alla metropolitana ad utilizzare il delicato strumento, grazie ad un corso di poche ore - è semplice da quanto ci è stato spiegato e fatto vedere l'utilizzo dei defibrillatori - ed entro una ventina di giorni saranno pronti in caso di bisogno.

"Sono apparecchiature che in metropolitana hanno un valore fondamentale - dice Walter Ceresa, l'amministratore delegato di Gtt -. La metropolitana è una città viaggiante, ogni giorno transitano 150mila persone e quasi 40milioni ogni anno. Con questi grandi numeri è importante essere pronti ad intervenire con strumenti adeguati". Dello stesso avviso del numero uno dell'azienda dei trasporti pubblici torinesi è anche il neo assessore regionale Antonio Saitta: "Al di là della sua utilità, quella di oggi è un'iniziativa importante anche per il suo valore simbolico. E' fondamentale distribuire i defibrillatori nei luoghi in cui c'è parecchio pubblico e metterlo in metropolitana servirà anche a far comprendere ai cittadini che è un apparecchio in grado di salvare la vita al 30% delle persone colpite da arresto cardiaco. Qualche anno fa - ha spiegato Saitta - la Regione Piemonte aveva acquistato 280 defibrillatori, destinati a Comuni, luoghi di interesse, associazioni e forze dell'ordine. Il nostro obiettivo è dare continuità a questo progetto".

VIDEO: prova pratica dell'utilizzo del defibrillatore

I quattro defibrillatori sono stati acquistati grazie all'avanzo di gestione del IX Congresso Nazionale Società Italiana Sistema 118, svoltosi a Torino nel 2011, e con il contributo dell'azienda Progetti srl. L'obiettivo dichiarato è quello di migliorare l'assistenza sanitaria agli utenti della metropolitana. Questo è sicuramente un passo importante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In metro arriva il defibrillatore per la sicurezza sanitaria dei passeggeri

TorinoToday è in caricamento