rotate-mobile
Cronaca

"Più controlli nei quartieri per una Torino più sicura"

Dopo l'omicidio di Gheorghe Cimpoesu il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica si è riunito e si è deciso di potenziare i controlli nei quartieri della città

"Più controlli nei quartieri di Torino". E' quanto è stato deciso dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dopo l'omicidio di Gheorghe Cimpoesu, avvenuto giovedì sera, e le proteste dei cittadini che abitano nella zona. Per rafforzare i controlli, a fianco a Carabinieri e Polizia di Stato, sarà utilizzato anche personale della Polizia municipale e della Guardia di finanza, in particolare per una serie di controlli amministrativi, fiscali e tributari sui locali pubblici.

Gli interventi da fare saranno gestiti dal questore di Torino Aldo Faraoni. "I controlli ordinari di contrasto al crimine diffuso, in quei quartieri come in tutto il territorio - spiega faraoni - hanno portato a risultati più che soddisfacenti. Nonostante questo, abbiamo percepito dell'insicurezza che riguarda frequentatori e residenti di quelle zona. Per questo, ci stiamo concentrando sull'individuazione delle fonti di insicurezza, che possono essere anche luoghi di bivacco e di stazionamento di persone o anche locali pubblici che prolungano l'orario oltre il limite consentito portando a situazioni che poi facilitano la commissione di reati".


(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Più controlli nei quartieri per una Torino più sicura"

TorinoToday è in caricamento