Caso De Tomaso, Gian Luca Rossignolo: "Mi sono fidato troppo"

L'ex dirigente si è difeso davanti al gip dicendo che non sapeva della polizza falsa ma intanto la guardia di finanza continua a indagare

Troppa fiducia nei professionisti con cui lavorava: così si è difeso davanti al gip, nell' interrogatorio di garanzia, Gian Luca Rossignolo, ex amministratore della casa automobilistica De Tomaso, arrestato dalla guardia di finanza nella stessa inchiesta che alcuni mesi fa aveva portato a un ordine di custodia cautelare anche per il padre, Gian Mario.
 
Secondo la ricostruzione dell'accusa si sarebbe trattato di falsa fidejussione (con la complicità di un professionista) per ottenere un finanziamento ministeriale di sette milioni e mezzo destinati a corsi di aggiornamento per il personale ma utilizzati per altri scopi.
 
L'ex amministratore della De Tomaso, a suo dire, non sapeva che la polizza fosse falsa. La guardia di finanza sta cercando di ricostruire la destinazione di tutto il denaro ricevuto da Roma. (Ansa)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento