Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

De Tomaso: arrestato il figlio di Rossignolo con l'accusa di truffa

Il figlio del patron Gian Mario accusato di truffa ai danni dello Stato per l'indebita riscossione di contributi pubblici

La Guardia di Finanza di Torino ha arrestato Gian Luca Rossignolo. L'ex amministratore della De Tomaso, nonché figlio del patron Gian Mario, è accusato di truffa ai danni dello Stato.

L'inchiesta è quella sulle false fideiussioni e sull'indebita riscossione di contributi pubblici erogati dal Ministero del Lavoro e destinati a corsi di formazione per il personale della casa automobilistica, in realtà mai tenutisi. Gian Luca Rossignolo si trova ne carcere di Torino.

Gian Luca Rossignolo avrebbe ricoperto un ruolo determinante per il rilascio della polizza fideiussoria falsa. Si tratta della polizza utilizzata per far arrivare il finanziamento pubblico di circa sette milioni e mezzo di euro, destinato alla riqualificazione professionale del personale che doveva essere impiegato in un ambizioso progetto industriale relativo alla produzione di autovetture sportive di lusso.

La Procura di Torino contesta al figlio del patron di avere anche intascato parte del denaro che la stessa De Tomaso, una volta ricevuto il finanziamento pubblico, aveva subito girato ad un professionista della provincia di Bergamo finito in carcere a luglio. Denaro ufficialmente versato a titolo di compenso per la mediazione con la finanziaria che ha concesso la polizza fideiussoria a garanzia del Ministero del lavoro. Secondo quanto accertato, per non destare sospetti Rossignolo aveva ottenuto che la somma fosse versata sul conto corrente della madre della convivente la quale, a sua volta, l'aveva poi 'girata' sul suo conto corrente e, in parte, su quello della figlia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Tomaso: arrestato il figlio di Rossignolo con l'accusa di truffa

TorinoToday è in caricamento