Cronaca

Influenza: colpiti 480mila piemontesi, picco massimo registrato alla fine di febbraio

A dirlo sono i dati Influnet. Maggiormente interessata l'età pediatrica - 0-14 anni - mentre sono stati distribuiti in totale 600mila vaccini

Una stagione con meno casi di contagio rispetto a quella precedente. Così è stata definita - sulla base dei dati Influnet - l’epidemia influenzale 2015-16, nella quale si sono ammalate in Piemonte circa 480mila persone.

L’epidemia, iniziata a novembre 2015 e terminata all’inizio di aprile 2016, ha presentato un tasso di incidenza cumulativa pari a 11 casi per 1000 assistiti. I valori medi sono risultati simili al 2013-2014 e inferiori al 2014-2015. La curva epidemica ha raggiunto l’intensità massima alla fine di febbraio. 

L’età pediatrica - 0-14 anni - è stata, come sempre, la più colpita, con un’incidenza massima di 25,5 casi per 1000 assistiti nella quinta settimana del 2016. Per quanto concerne invece la fascia dai 15 ai 64 anni, il valore massimo raggiunto è stato di 7,6 casi per 1000 nella nona settimana del 2016, quando si è registrata l’incidenza massima per le persone con più di 64 anni (3,5 casi per 1000 assistiti).

Tra novembre e dicembre 2015 sono state distribuite complessivamente 603.519 dosi di vaccino. La maggior parte delle vaccinazioni ha riguardato i soggetti sopra i 65 anni (circa 508mila dosi). Sono stati invece circa 80mila i soggetti che, classificati a rischio in base alla circolare ministeriale contenente le raccomandazioni per la prevenzione e il controllo dell’influenza, sono stati vaccinati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza: colpiti 480mila piemontesi, picco massimo registrato alla fine di febbraio

TorinoToday è in caricamento