Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca San Salvario / Corso Massimo D'Azeglio

In tempo di crisi i vandali non si fermano. Danni al Valentino

Da aprile ad oggi le strutture del Giardino Roccioso del Valentino è stato preso di mira e le sue strutture, tutte nuove, danneggiate completamente. Il Comune ha deciso di rimuoverle per la sicurezza degli utenti

Il Giardino Roccioso all'interno del Valentino (foto del Comune di Torino)

Lo scorso aprile era stato inaugurato il percorso plurisensoriale, definito "for all", all'interno del Giardino Roccioso del Parco del Valentino. L'area era stata attrezzata con arredi e strutture specifiche per le persone con disabilità visive. Tra queste tabelle descrittive degli elementi naturali ed architettonici riportanti anche caratteri in braille.

Fin dall'inaugurazione però il percorso è stato preso di mira dai vandali che, ad oggi, hanno danneggiato pesantemente tutte le strutture. I danni sono ormai tali che il Comune di Torino ha deciso di smontare tutto, visto che alcuni componenti sono ormai pericolosi per gli utenti del giardino. "È una violenza gratuita e demenziale che colpisce un servizio di utilità pubblica in un’area molto frequentata dai torinesi - dice l'assessore comunale al Verde pubblico Enzo Lavolta -. In tempi di crisi come questo, non è facile trovare le risorse per sopperire al continuo danneggiamento di attrezzature e arredi di cui sono ricchi i nostri parchi e che li rendono luoghi piacevoli per il tempo libero”.


L'assessore Lavolta spera di poter ripristinare il percorso plurisensoriale il prima possibile, studiando soluzioni tecniche migliorative che possano rendere più solide le strutture. Ma non solo. "E' in corso una valutazione, da parte dell’Amministrazione, per trovare soluzioni organizzative che consentano di riattivare la chiusura notturna del Giardino roccioso, area del parco già dotata di recinzione, e di garantirne un maggior presidio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tempo di crisi i vandali non si fermano. Danni al Valentino

TorinoToday è in caricamento