Gettano nel cassonetto tre cuccioli partoriti dalla loro cagnetta: denunciati madre e figlio

Uno dei piccoli è morto

immagine di repertorio

Due italiani madre e figlio, lei di 83 anni e lui di 51, sono stati denunciati dalla polizia locale di Bruino per maltrattamenti di animali dopo che si sono disfatti dei tre cuccioli partoriti dalla loro cagnetta gettandoli vivi in un cassonetto della raccolta differenziata.

I piccoli sono stati trovati dai dipendenti del Covar14, la società che si occupa del ciclo dei rifiuti nella zona, in via delle Betulle. Uno di loro è morto poco dopo l'arrivo dai veterinari della Croce Blu di Piossasco, gli altri due se la caveranno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due, che abitano in una casa vicino ai cassonetti, sono stati identificati in giornata dalla polizia locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Violento acquazzone su mezza provincia: alberi caduti, allagamenti e ferrovia interrotta

  • Colpo della dea bendata: il Superenalotto premia un giocatore con 37mila euro

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Morte di Viviana Parisi, l'arrivo dei genitori da Torino e dei fratelli: martedì l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento