Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Centro / Piazza della Repubblica

Troppe spese e poca clientela, futuro nero per il centro commerciale Palatino

Nel centro commerciale di Piazza della Repubblica sono ben dodici le attività che hanno abbassato la serranda per sempre. E a fine anno potrebbero aggiungersi altre attività

Non tutte le ciambelle riescono con il buco. Ed è forse questo il caso del centro commerciale Palatino di piazza della Repubblica. Un’area che doveva diventare il fiore all’occhiello nella zona e che, al contrario, nel giro di soli tre anni ha visto i suoi affari andare clamorosamente a picco. Sempre più nero il futuro come confermano i diretti interessati, i commercianti.

Ma anche i numeri parlano chiaro: dodici le attività che hanno abbassato la serranda per sempre, abbandonando il mercato coperto. Negozianti che hanno chiesto il recesso non riuscendo più a far fronte alle spese di gestione che ammontano a circa 800mila euro l’anno. E altri potrebbero fare la stessa fine, alcuni già entro fine anno. Tante le problematiche del centro. Dai difetti strutturali, mai risolti, passando per le inefficienze degli impianti che rendono i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria insopportabili.

Se poi si aggiunge la mancanza di clientela – il centro è spesso vuoto – ecco che viene fuori un quadro davvero preoccupante. Senza contare le problematiche legate alla sicurezza della piazza che non fanno che allontanare clienti e turisti. “Visto da fuori il Palatino non sembra nemmeno un centro commerciale – accusa il capogruppo di FdI Patrizia Alessi -. I costi sono alti, le entrate basse e inoltre lo spaccio e il degrado, mai realmente debellati, non hanno fatto altro che aggiungere preoccupazioni su preoccupazioni”.

In questi anni, inoltre, gli operatori hanno fatto una serie di richieste cui la Città non ha dato seguito, come l’assegnazione e l’apertura del parcheggio sotterraneo e lo spostamento delle bancarelle davanti all’ingresso del centro commerciale. “Il nostro auspicio - dichiarano il presidente Emanuele Durante e la coordinatrice Valentina Cremonini - è che nell’ambito della progettualità europea che l’assessorato sta conducendo sui mercati di Torino si possa dare nuova linfa ed attrattività alla più bella piazza commerciale di Torino, rispondendo così alle aspettative dei commercianti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe spese e poca clientela, futuro nero per il centro commerciale Palatino

TorinoToday è in caricamento