Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Madonna di Campagna / Corso Potenza

Il dramma di Antonino: "Ho perso il lavoro e ora dormo in un garage"

Il 56enne originario di Caltanissetta è l'ennesima vittima della crisi. Da febbraio l'uomo vive in un box: "Ho mandato tre curriculum ma non mi hanno accettato perchè troppo vecchio"

Cantine, fabbriche abbandonate e a volte persino garage. L’effetto crisi continua a produrre notizie da brivido. L’ultima storia arriva da corso Potenza dove all’interno di un box ha trovato casa Antonino, un uomo di 56 anni originario di Caltanissetta. Una storia che si è trasformata in disgrazia a febbraio quando il siciliano si è prima trovato senza lavoro e poi senza neanche un tetto decidendo di andare a dormire in un box. Ma andiamo per ordine. Antonino lavorava come autista presso un’azienda che alla fine dello scorso anno ha chiuso i battenti lasciando lui e altri dipendenti a casa.

Senza più un’entrata sicura l’uomo si è ritrovato solo. La sua dolce metà, in quel momento in ferie in Marocco, ha scelto di comune accordo con il compagno di non far ritorno in Italia. “Le ho detto io di rimanere lì fino a che le cose non si fossero sistemate”. Ma in realtà la situazione è andata via via peggiorando. Antonino ha scelto di lasciare l’appartamento di via Borsi a febbraio. “Non potevo più pagare le spese e non volevo comportarmi da disonesto – racconta il 56enne -. A febbraio ho lasciato l’alloggio e mi sono stabilito in corso Potenza con la mia gatta e i miei scatoloni”.

La micia non si vede molto spesso ma basta il richiamo del cibo per farla uscire da qualche anfratto. La nuova casa di Antonio, per l’appunto un garage, ha tutto l’occorrente per sopravvivere. Un divano dove dormire, un fornetto, un frigorifero, lo spazio per gli scatoloni. “Voglio precisare che pago anche un minimo d’affitto, non vivo sulle spalle di nessuno – spiega Antonino -. Con 90 euro al mese ho un tetto sopra la testa e anche se non lavoro più come autista ho già cominciato a guardarmi intorno in cerca di altro”.

Tanto per cominciare Antonino ha cercato di riciclarsi vendendo oggetti usati al mercatino delle pulci di via Sansovino. “Il sabato porto quello che ho e cerco di guadagnare qualche soldo”. Mentre tornare a fare l’autista, il suo primo amore, pare una missione davvero impossibile. “Ho mandato tre curriculum e mi sono sentito dire che sono troppo vecchio”. Caduta nel vuoto la richiesta di accedere ad una casa popolare, tramite domanda di emergenza abitativa. Chi volesse dare una mano ad Antonino può chiamare al numero 329-4163272.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Antonino: "Ho perso il lavoro e ora dormo in un garage"

TorinoToday è in caricamento