Cronaca Centro / Via Po

Centro bloccato da un corteo, Fassino: "Zero tolleranza a certi atteggiamenti"

Dopo essere stato criticato da alcuni studenti davanti il Municipio, il primo cittadino ha dichiarato guerra ad eventuali manifestazioni di protesta "che condizionino il normale svolgimento della vita della città"

Il centro di Torino è paralizzato anche questa mattina. In strada non sono scesi i Forconi, ma centinaia di studenti che sono partiti dalla centralissima piazza Castello, da piazza Palazzo di Città e da piazza Solferino.

Gli studenti hanno marciato in corteo per via Po e via Roma creando grossi disagi al traffico cittadino.

Sulla questione è intervenuto il sindaco Piero Fassino, il quale ha detto di non voler più tollerare certi atteggiamenti avuti da alcuni in questi giorni, soprattutto quelli che "condizionino il normale svolgimento della vita della città. Siamo di fronte ad un movimento - ha aggiunto - che non ha piattaforma né leadership riconosciuta. La lettura sociale non può giustificare il modo in cui questa protesta si è manifestata. Vi sono stati passeggeri costretti a scendere dagli autobus, mamme a cui è stato impedito di portare i figli all'asilo, ambulanti e negozianti costretti a interrompere la loto attività. Tutto ciò non è giustificabile".

AGGIORNAMENTO ORE 14.30: il corteo si è sciolto spontaneamente. In strada è rimasto soltanto un gruppo di autonomi, circa 150, che si trova nei pressi della Questura, sorvegliati a distanza da un consistente dispiegamento di forze dell'ordine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro bloccato da un corteo, Fassino: "Zero tolleranza a certi atteggiamenti"

TorinoToday è in caricamento