rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Grugliasco / Piazza Papa Giovanni XXIII

Coronavirus e truffe, malviventi chiedono 100 euro per effettuare il tampone a domicilio 

I truffatori si sono presentati a casa di un anziano alle 7.30 del mattino, uno di loro indossava un camice bianco

Ancora truffe legate al coronavirus. Questa volta l’appello a non aprire la porta di casa arriva dal comune di Grugliasco dove due malviventi hanno tentato di mettere a segno una truffa ai danni di un anziano. Il monito: “Con la scusa di fare i tamponi alcuni truffatori cercano di entrare nelle case degli anziani. Non aprite! È una truffa”.

Approfittando dell’emergenza sanitaria Covid-19, alle 7.30 del mattino della scorsa settimana, due uomini sui 50 anni (di cui uno con un camice bianco) hanno suonato al campanello di un signore anziano che vive solo dicendo di essere dell'ASL e che dovevano effettuare un tampone. L’anziano ha aperto e i truffatori sono saliti al piano, ma per fortuna senza farli entrare in casa.

I malfattori gli avrebbero chiesto 100 euro per il tampone. A questo punto la vittima ha intimato di chiamare i carabinieri e i truffatori sono scappati via con una vecchia utilitaria simile a una Fiat 600, secondo la testimonianza dell’uomo.

L’invito rivolto a tutti i cittadini è di non aprire a queste persone perché sono truffatori.  
 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e truffe, malviventi chiedono 100 euro per effettuare il tampone a domicilio 

TorinoToday è in caricamento