menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Coronavirus: salgono i nuovi casi, ma scendono i decessi e i ricoverati in terapia intensiva

Cirio: "Preoccupato dalla gente nei parchi"

Crescono i nuovi contagiati, ma scendono i decessi. È la cartina di tornasole di un coronavirus che anche in Piemonte sembra perdere potenza: si diffonde di più ma sembra essere meno pericoloso (cosa dimostrata dal calo costante dei pazienti in terapia intensiva). In ogni caso, oggi, venerdì 8 maggio 2020, i morti registrati sono stati 23 (di cui quattro attribuibili alla giornata di oggi) contro i 35 di ieri. Il totale è così salito a 3.305 di cui 1.479 in provincia di Torino. In controtendenza, invece, il dato sui nuovi casi, che salgono da 196 a 233, portando il totale a 28.368, di cui 14.320 in provincia di Torino.

I pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono cresciuti di 409 unità portando il totale a 7.687, di cui 4036 (+238) in provincia di Torino. Altri 3.269 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.

I ricoverati in terapia intensiva sono 140 (-4 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 2.013 (-140 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.954 (- 218 rispetto a ieri). I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 201.183, di cui 110.294 risultati negativi.

Cirio: "Preoccupato per la troppa gente nei parchi"

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, continua a dirsi preoccupato per la presenza di persone nei parchi: "Evidentemente - dice - molte delle possibilità del ritorno alla normalità di vita dipende dal comportamento di ciascuno di noi. Ho visto tanta gente responsabile, ma ricevo anche foto di situazioni meno responsabili. La mascherina va usata sempre nei luoghi al chiuso e fuori quando non si riesce a mantenere almeno un metro di distanza. Uscire per la passeggiata al parco non vuol dire coricarsi a prendere il sole. La sosta è il presupposto dell’assembramento. I sindaci hanno potere di chiudere i parchi. Il fine settimana sarà un test. La ristorazione da asporto è quella che vado a prendere quando l’ho già ordinata al telefono o in altri modi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento