Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Porta Nuova: coppia di borseggiatori presa con le mani nel sacco

Gli interventi della Polizia Municipale Torino sono stati attivati nell'ambito del servizio più generale denominato "Linea sicura"

La lametta utilizzata dai borseggiatori

Agenti del Nucleo Mirati della Polizia Municipale Torino hanno arrestato due borseggiatori, un uomo di 36 anni e una donna di 25 anni, entrambi di nazionalità rumena, sorpresi mentre stavano borseggiando un medico del Pronto Soccorso dell’Ospedale Molinette.

Gli Agenti sono intervenuti, su segnalazione specifica fornita dal personale della GTT, alla fermata di Porta Nuova della metropolitana: alla vittima era stato sottratto il telefono cellulare, immediatamente restituitogli. La coppia di borseggiatori era stata arrestata altre due volte, da parte della stessa squadra di agenti, nelle tre settimane precedenti per fatti analoghi: la prima volta in via Roma per il borseggio di un’anziana donna e una seconda volta in corso Vittorio Emanuele II/via Sacchi per lo stesso reato ai danni di giovani turisti francesi.

Le modalità del borseggio sono “seriali”: i borseggiatori si muovono come una coppia qualunque, la donna fa da schermo e copertura all’uomo che, con destrezza e velocità, sottrae portafogli e altri oggetti di valore, anche utilizzando lamette da rasoio per accedere alle tasche interne degli indumenti o alle borse delle vittime.

Gli interventi della Polizia Municipale Torino sono stati attivati nell’ambito del servizio più generale denominato “Linea sicura”, svolto in stretta collaborazione con il Gruppo Torinese Trasporti e che coinvolge tutti gli Agenti delle Sezioni Circoscrizionali e reparti specialistici del Corpo.

Nella prima parte dell’anno, fino al 31 marzo, sono stati svolti oltre 240 servizi con quasi 2000 mezzi controllati, redatte 6 notizie di reato, effettuati più di 10 arresti e altrettante denunce a piede libero.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Nuova: coppia di borseggiatori presa con le mani nel sacco

TorinoToday è in caricamento