Cronaca

Contromano in autostrada provocò 3 morti: indagati vertici autostrade

Il 14 agosto del 2008 il 55enne Domenico Olivetti guidò in contromano per 27 chilometri sulla A21 e in tangenziale. Quel giorno morirono 3 persone. Nel processo a Torino sono indagati i vertici delle autostrade di omicidio colposo

Il pm Guariniello ha chiuso le indagini sul duplice incidente, con tre morti, provocato il 14 agosto 2008, da un automobilista di 55 anni, in contromano per 27 km sulla A21 Torino-Piacenza e sulla tangenziale torinese dopo essere stato dimesso da una clinica dov'era in cura per problemi di depressione ed etilismo. Gli indagati, per l'ipotesi di omicidio colposo plurimo, sono gli ad della Satap (società che gestisce la Torino-Piacenza), i responsabili del servizio di prevenzione e protezione di entrambe le società e i due medici della casa di cura 'Citta' di Brà, che dimisero il paziente.

Nell'incidente rimasero uccisi lo stesso automobilista Diego Olivetti, il pensionato Alberto Santillo di 64 anni, che uscì di strada con la sua auto per evitare il veicolo in contromano, e il medico Andrea Tamagnone di 39 anni, che viaggiava in moto e si scontrò frontalmente contro la vettura. Secondo il pm Guariniello, le compagnie autostradali non avevano previsto misure di prevenzione per casi di contromano. In particolare, ai dirigenti viene contestata l'omessa valutazione nel documento di valutazione. Secondo la procura non vi erano dispositivi di allarme acustici e ottici e sistemi di rilevazione del contromano. Per quanto riguarda i medici della clinica, Guariniello contesta la dimissione per esigenze della casa di cura stessa, che avrebbe dovuto chiudere per la pausa estiva, e non per ragioni terapeutiche.


Secondo il magistrato, non sono state intraprese procedure di trasferimento in altra struttura idonea quando invece era stato concordato che, in caso di complicanze, si sarebbero attivate. Olivetti - sempre secondo il pm - non era guarito dalla sindrome depressiva e non rispondeva a terapie per abuso di alcol; pochi giorni prima era uscito dalla casa di cura più volte per recarsi a bere all'esterno; la clinica, inoltre, aveva disposto un test alcolemico che aveva dato esito positivo e quindi era a conoscenza del problema. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contromano in autostrada provocò 3 morti: indagati vertici autostrade

TorinoToday è in caricamento