Contromano in autostrada con l'Ape Piaggio, fermato dopo 10 chilometri

E' avvenuto nella notte sul raccordo Torino-Pinerolo. Protagonista un 57enne che era completamente ubriaco

Un'Ape Piaggio (immagine di repertorio)

Con la sua Ape Piaggio ha percorso dieci chilometri contromano sul raccordo autostradale Torino-Pinerolo.

Protagonista dell'accaduto, nella notte di oggi, domenica 19 marzo 2017, è stato un italiano di 57 anni residente a Luserna San Giovanni che è stato bloccato dalla polizia stradale alle 3 all'altezza dello svincolo di Volvera. Viaggiava in direzione di Torino ma nella carreggiata riservata ai mezzi diretti nel senso opposto.

Poco prima, con il mezzo a tre ruote (che per la verità non può neppure circolare in autostrada), aveva imboccato il raccordo da Pinerolo credendo di dirigersi verso casa: così, almeno, ha raccontato alla pattuglia, che non ci ha messo molto a capire che era completamente ubriaco.

L'uomo aveva un tasso di alcol nel sangue superiore a quattro volte il limite di legge (due grammi per litro, mentre il limite è di 0,5) ed è stato accompagnato all'ospedale San Luigi di Orbassano dove ha smaltito la sbornia.

Oltre a denunciarlo per guida in stato di ebbrezza, gli agenti lo hanno segnalato alla prefettura in modo che venga disposta la revoca della patente. Il veicolo è stato requisito in attesa che un familiare lo vada a recuperare.

Nella notte la Polstrada torinese ha fermato altri tre automobilisti ubriachi al volante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento