Carni rietichettate per posticipare la scadenza: nei guai quattro supermercati della città

In un caso correzione 'a penna'

immagine di repertorio

Quattro supermercati sparsi sul territorio cittadino sono finiti nei guai nel periodo delle vacanze natalizie 2018-19 per avere rietichettato alcuni prodotti in scadenza, in particolare carni in vendita nei banchi della macelleria.

I carabinieri del nucleo antisofisticazione e sanità (Nas) di Torino hanno effettuato alcuni controlli a campione e hanno denunciato quattro persone per tentata frode in commercio e omessa attuazione delle procedure HACCP. Si tratta di coloro che avevano la responsabilità sull'etichettatura secondo i regolamenti dei singoli punti vendita.

In tre degli esercizi controllati si era trattata di una rietichettatura avvenuta ex novo, sovrapposta a quella precedente. Nel quarto, invece, l'etichetta era stata addirittura corretta con una penna. Il posticipo della scadenza dei prodotti variava da un minimo di due giorni a un massimo di 15 rispetto a quella originaria.

I controlli verranno sicuramente replicati a brevissimo. L'inchiesta giudiziaria sull'accaduto è coordinata dal pm Rossella Salvati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento