menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Circoscrizione arrivano i tifosi: "La rinascita del "Fila" in due anni"

I tifosi assistono al consiglio di Circoscrizione Nove che vede come protagonista il degrado del vecchio stadio di via Filadelfia. La rinascita dell'impianto entro due anni

Per tutti i torinisti – ma non solo, in fondo – che passano da via Filadelfia, la vista di quel rudere abbandonato all’incuria più totale è come una puganalata. Perché lo storico “Fila”, demolito ma non del tutto, e lasciato lì a cadere a pezzi è un esempio fin troppo eloquente di degrado urbano, e di un quartiere che invece dalla presenza dello campo sportivo granata avrebbe solo da guadagnarci. Così in Circoscrizione Nove al Consiglio tenutosi ieri sera si sono trovati in tanti: un centinaio di tifosi hanno voluto sentire quale sarà il futuro dell’area, direttamente dalle parole dei protagonisti della vicenda.

Un primo dato positivo c’è: il Fila tornerà agli antichi splendori. Il problema è il quando. In due anni, sembra. E con che soldi? L’assessore Stefano Gallo, intervenuto alla riunione della Circoscrizione Nove, spiega che 3.5 milioni sono già a bilancio. Dalla Circoscrizione replicano che è importantissimo fare presto, perché “Non è possibile che rimanga una struttura fatiscente nel cuore del quartiere”, ha spiegato il coordinatore all’Urbanistica Massimiliano Miano. Un ordine del giorno che richiede degli impegni concreti da parte della Città per la ricostruzione dello stadio è stato approvato all’unanimità.

“È molto importante e significativo che per la prima volta tutti gli attori della vicenda si siano seduti insieme in un consiglio di Circoscrizione – ha ricordato il presidente della Nove, Giorgio Rizzuto – credo che sia ormai chiaro che la situazione non può più essere procrastinata”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento