Imprenditore edile dichiara poco ma ha beni per un milione e mezzo: scatta la confisca

Per due anni sorvegliato speciale

La confisca dei beni notificata dai carabinieri

Due immobili a Caselle Torinese, cinque capannoni industriali e un immobile destinato a uffici con annessa abitazione a Leini, due autocarri, un furgone, un'autovettura, un altro immobile e due garage a Torino: è l'ammontare della maxi-confisca, per un valore di un milione e 600mila euro, notificata dai carabinieri a un imprenditore edile 56enne italiano residente a Leini lo scorso 29 dicembre 2017.

Gli approfondimenti economico-patrimoniali svolti dai militari dell'Arma nei confronti suoi e della moglie hanno evidenziato una sproporzione fra redditi dichiarati e il valore dei beni a lui riconducibili.

All'uomo, che ha precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di armi, è stata notificata anche la misura di sorveglianza speciale per due anni, con obbligo di soggiorno nel comune di Leini.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento