rotate-mobile
Cronaca Leinì

Imprenditore edile dichiara poco ma ha beni per un milione e mezzo: scatta la confisca

Per due anni sorvegliato speciale

Due immobili a Caselle Torinese, cinque capannoni industriali e un immobile destinato a uffici con annessa abitazione a Leini, due autocarri, un furgone, un'autovettura, un altro immobile e due garage a Torino: è l'ammontare della maxi-confisca, per un valore di un milione e 600mila euro, notificata dai carabinieri a un imprenditore edile 56enne italiano residente a Leini lo scorso 29 dicembre 2017.

Gli approfondimenti economico-patrimoniali svolti dai militari dell'Arma nei confronti suoi e della moglie hanno evidenziato una sproporzione fra redditi dichiarati e il valore dei beni a lui riconducibili.

All'uomo, che ha precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di armi, è stata notificata anche la misura di sorveglianza speciale per due anni, con obbligo di soggiorno nel comune di Leini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore edile dichiara poco ma ha beni per un milione e mezzo: scatta la confisca

TorinoToday è in caricamento