Falso vigile urbano truffava gli anziani: maxi-confisca da 600mila euro

Il patrimonio (conti correnti, polizze assicurative, gioielli) era stato intestato anche alla famiglia del malvivente

immagine di repertorio

Confisca di beni per 600mila di euro al falso vigile urbano che fu fermato dalla polizia nell'ottobre 2015.

L'uomo, un italiano di etnia sinti di 56 anni residente a Nichelino, era accusato di aver commesso due furti in abitazione ai danni di anziani ultraottantenni residenti a Torino e a Chieri. In una delle due occasioni tutta la scena fu ripresa da una telecamera installata dai parenti all’interno dell’abitazione della vittima.

Lo scorso settembre il truffatore era stato condannato a due anni di carcere.

La squadra mobile, su disposizione del tribunale, ha sequestrato 400mila euro tra contanti, conti correnti, polizze assicurative e libretti postali e 200mila euro tra orologi e gioielli, oltre a un'auto, intestati non soltanto all'uomo, ma anche ai suoi familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento