rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Arenaways, da novembre i treni tornano a viaggiare con una nuova proprietà

Lo ha annunciato l'amministratore delegato Giuseppe Arena in una conferenza stampa questa mattina. Nelle prossime settimane si saprà chi guiderà la società. Proposte tedesche e italiane

Questa mattina a palazzo Lascaris si è tornati a parlare del caso Arenaways. Durante la conferenza stampa "Le liberalizzazioni mancate", hanno partecipato l'ad della società Giuseppe Arena, oltre a diversi deputati. Da un paio di mesi ormai Arenaways è stata dichiarata fallita, ma l'amministratore delegato ha sempre detto di voler far tornare i "suoi" treni a viaggiare e offrire un servizio concorrente.

La possibilità di rientrare in gioco è arrivata in queste settimane. Il gruppo britannico Arriva, controllato dalle ferrovie tedesche Deutsche Bahn, ha presentato una proposta per rilevare Arenaways, la società ferroviaria privata attualmente in esercizio provvisorio. Ma non solo. Un'altra proposta é stata presentata da Giuseppe Arena con un gruppo di imprenditori. Lo ha reso noto lo stesso Arena durante la conferenza stampa.

Il fondatore dell'azienda ha detto: "Entro domani mattina sarà aperta la gara. Il 31 ottobre si concluderà l'esercizio provvisorio. Dal primo novembre dovrebbe riprendere regolarmente il servizio con la nuova proprietà".

Durante la conferenza si questa mattina ha preso la parola anche il parlamentare di Alleanza per l'Italia, Gianni Vernetti: "Quello delle liberalizzazioni è un tema cruciale: facciamo un forte appello alla Regione Piemonte, che ha contribuito al mancato avvio di questo progetto, perché faccia un passo indietro e cambi politica. Trenitalia non può continuare ad esercitare posizioni monopolistiche". D'accordo con Vernetti anche i deputati degli altri partiti. Per Giacomo Portas, deputato dei Moderati, "la vicenda Arenaways è un pessimo esempio anche per gli investitori stranieri", mentre Marco Calgaro dell'Udc sostiene che "nessuno vuole davvero le liberalizzazioni". Giorgio Merlo (Pd) parla di "responsabilità politiche e manageriali delle Ferrovie" e Stefano Esposito (Pd) accusa la Regione "di avere accettato il ricatto di Moretti". Aldo Reschigna, capogruppo del Pd in consiglio regionale, chiede che "la Regione Piemonte faccia come la Regione Trentino Alto Adige che ha concesso ai treni privati di effettuare le fermate intermedie".

(ANSA)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arenaways, da novembre i treni tornano a viaggiare con una nuova proprietà

TorinoToday è in caricamento